July 30, 2013

Italian Table Talk #14: Summer, Aperitivo, and a Venetian Cichetto


There is no better time to indulge than summer.

As days get longer and temperature warmer, I feel an irresistible lightness of the heart and a desire for living life at its fullest, enjoying all the best it has to offer. One of my favourite activities, then, besides laying in the sun all day except for the occasional swim in the ocean and the pit-stop at the bar for gelato and/or caffé shekerato, is heading to the beach shack, or the town centre, or the table under the gazebo in the garden, and grab a glass of something refreshing, possibly slightly alcoholic and bitter, or at least bubbly, that Italians call aperitivo.

Hard not to love it - in any of the above mentioned forms. Each person, it seems, has a special way of enjoying it, being a secret corner of his/her hometown, a tailor-made drink, a group of friends... As a matter of fact, after an animated virtual exchange of thoughts and reflections on aperitivo in Italy, we girls of Italian Table Talk thought to bring the topic in broad daylight and to share everything - including secret tips and succulent recipes on these pages.

Without further ado, then, here is what you will find in this episode of Italian Table Talk. Emiko will open the dances with an introduction to the world of aperitivo Italian style, with its unwritten rules, and gives some tips on what to drink an eat for a real-deal aperitivo. Giulia will then take us deeper, into the streets and piazzas of Florence, telling us about aperitivo as a social ritual, and gifting us with a recipe for some tasty nibbles to go with your drinks - fried mozzarella balls (mozzarella in carrozza). Finally, Jasmine will take us to Milan, the capital of the rich and opulent aperitivo Italian style, and will share thoughts and a recipe to make her favourite drink - Negroni Sbagliato.


As for me, I told you already quite a bit about my relationship with aperitivo. The truth is, I love it so much there is always something more I would love to say, or I feel I should say. Apertivo, to me, is not just the drink. Far from its etymological meaning (aperitivo, from the latin word aperire, "to open", states something that both begins the meal and also prepares the stomach for receiving the food, hence facilitating digestion), aperitivo in my view is a world where the drink is at its core, but where the atmosphere, time of the day, mood, people are also key.


If I close my eyes and dream about the best scenario for a perfect aperitivo, I see a small Venetian Campo (square) bathed in the warmth of a summer evening light. The square is not crowded, but lively with people gathering and forming small, chatty groups standing at the doorsteps of the most popular bars - popular not because they are trendy, but because they are genuine, reasonably priced, and with a reassuring, convivial, familiar feeling to them. I see a handful of friends around me, each of them with their drink in hand: someone has spritz, some others Negroni, some went for a classic ombra (glass of wine), some for a glass of bubbly prosecco... All of us cheering, suddenly relaxed by the simple presence of each other as we chat away. I see someone going back for a refill and some nibbles - some olives, perhaps a handful of potato chips, or a few little bruschettine or cichetti. I see the day passing by, and a feeling of light-hearted simple joy surrounding me. I open and close my eyes again, and I think of those nights in Padova, during university, when we were drinking spritz on a Wednesday night (il mercoledì universitario), in Piazza delle Erbe from dusk to midnight. There was little food involved there but just the pleasure of letting the books closed and feeling idol and light for one evening a week.

This is perhaps why I dislike the modern version of aperitivo - with music, big buffets, dressed up people and what not. I perceive it as a distortion of my beloved, scruffy and low-key Venetian-style. To the modern phrase "andiamo all'aperitivo" [let's go to the aperitivo], I much prefer the good old "andiamo a bere uno spritz" [let's go and drink an aperitivo]: the core is the drink, and obviously the people sharing the moment with us - little else matters.


Far from the motherland and the places that made me fall in love with aperitivo, I have been consuming the pleasure of aperitivo at home more and more often. Surely, it lacks the atmosphere of a Venetian piazza, but it wins in coziness compared to a crowded bar whenever I don't feel in the mood for it. Wrapped in my lounge clothes, some music in the background, I mix up a drink that changes depending on the mood and on the availability; some nibbles are waiting on the table, nothing complicated and yet flavoursome and inviting. Our drinks of choice usually fall under the paradigm of Spritz or Gin&Tonic, unless we feel particularly adventurous. There are times, too, when just a glass of good white wine or sparkling prosecco would do the trick...

 Hard boiled eggs with anchovy (meso ovo, in local dialect) are a traditional Venetian chicheto, which can be found in almost all the respectable bàcari in town. A poor dish, good for satisfying the hunger for proteins of workers and fishermen as an alternative to seafood, hard boiled eggs have always been one of the easiest and cheapest snacks to go with the glass of wine before lunch or dinner. Alongside baccalà mantecato (salted cod cooked in milk), marinated anchovies, nerve salad, beans, squids and fried sardines with onion (sarde in saor), the meso ovo is part of the classic cichetti platter - all good alongside a couple of slices of warm, grilled polenta, and your drink of choice. These eggs are a tasty nibble on the street as much as at home - and as simple, everyday ingredients are used, it is extremely easy to get it ready on the table it for a last-minute, home-y aperitivo - why not, Venetian style, with a light spritz bianco (half wine and half sparkling water, plus a slice of lemon).


Meso Ovo con l'Acciuga

serves 4

4 quality eggs
8 anchovy fillets in olive oil, drained
capers (optional)
freshly ground pepper & rock sea salt, to taste


Place the eggs in a large saucepan filled with cold water. Place over medium heat.
When the water boils, remove from the heat, cover with a lid, and let the eggs cook in the hot water for about 10 minutes. Drain and cool under running cold water.
Peel the eggs and cut them in halves with a sharp knife. Distribute the halves on a serving plate and season with salt and pepper to taste.
Roll the anchovies and place them over each egg half. Fit a caper in the middle. Serve

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Non c'è periodo dell'anno che ami più dell'estate.

Quando le giornate si allungano e le temperature si alzano, mi accorgo di vivere a cuor leggero, con la voglia di godermi appieno le migliaia di possibilità che ogni giorno mi si offrono. E in questo stato d'animo, una delle cose che amo di più fare, a parte rimanere sdraiata al sole e farmi cullare dalla brezza e dalle onde, è dirigermi verso il baretto della spiaggia, o quello in centro, o semplicemente verso il tavolo in giardino, e godermi un bicchiere di qualcosa di fresco, un po' alcolico e leggermente amarognolo, o magari frizzante. Un bicchiere di qualcosa che noi italiani chiamiamo aperitivo.

Difficile non innamorarsene, quale che sia la ragione: magari perché adoriamo quel bar all'angolo, o perché ci piace tanto una bevanda, o perché apprezziamo la compagnia... Infatti, dopo un lungo ed intenso scambio e-epistolare con le ragazze di Italian Table Talk, abbiamo capito non solo che amiamo tutto ciò che ruota intorno al mondo dell'aperitivo, ma anche che avevamo un bel po' di idee, opinioni ed esperienze in merito che scalpitavamo per condividere. Ed è così che è nato il tema di Italian Table Talk di questo mese - dallo scambio - quasi come fossimo tutte sedute allo stesso tavolino del bar, prima di cena, a confabulare e a scambiarci idee mentre sorseggiamo il nostro aperitivo: Emiko, parlando delle regole dell'aperitivo all'italiana; Giulia ordinando un aperitivo analcolico, e scherzando delle sue disavventure smangiucchiando delle mozzarelline in carrozza calde e croccanti; e Jasmine raccontandoci del suo bar preferito a Milano, e di un drink milanese DOC, il Negroni Sbagliato. Quanto a me, già ho detto molto sul mio amore sconsiderato per l'aperitivo, ma la verità è che mi piace così tanto che quasi non mi stanco di parlarne - e voi ditemi quando vi stancherete di leggerne! Aperitivo non solo come bevanda, ma come un qualcosa dove la bevanda è il fulcro attorno a cui ruota la magica combinazione di un momento della giornata, di un gruppo di amici, di uno luogo.

Se chiudo gli occhi, l'immagine che vedo è quella di un campo veneziano al calar del sole, d'estate. La piazza non è affollata, ma ci sono dei vivaci gruppetti davanti ai bar, luoghi semplici e genuini, popolari. Vedo un gruppo di amici attorno a me, ognuno col suo bicchiere in mano: chi con uno spritz, chi con un prosecco... "Salute!", diciamo, e i bicchieri tintinnano. Si chiacchiera e si lascia passare il resto della giornata senza pensieri, ci si lascia scorrere il tempo addosso, consci e felici di farlo, finalmente rilassati. Alcuni tornano dentro per un secondo giro, qualcuno porta fuori due stuzzichini, due cichetti...E si continua, fino a tardi, fino all'ora di una cena rimandata all'infinito. Chiudo e riapro gli occhi di nuovo, ed è l'immagine di me all'università, un mercoledì di tanti passati in Piazza delle Erbe a Padova, a godermi la folla e la compagnia, lasciando, per una volta, i libri chiusi dentro la borsa.

Sarà per questo che non mi piace il nuovo modo di fare aperitivo, quello che sempre più imperversa nei bar italiani - con buffet, drink a prezzi astronomici, musica e quant'altro. Lo percepisco come una distorsione del mio tanto amato aperitivo alla veneziana, un po' rustico forse, ma per questo così piacevole. Decisamente, sono una da "andiamo a bere un'aperitivo" più che da "andiamo a fare l'aperitivo"...



Lontana da casa, e dai tanto amati luoghi per l'aperitivo, ho imparato ad apprezzare il rito dell'aperitivo fatto in casa. Certo non sarà suggestivo come un campo veneziano, ma vince comunque in atmosfera rispetto a certi pub affollati di città quando non mi sento in vena di scarpinate. Comoda nei miei abiti leggeri, scalza, perparo due bicchieri di qualcosa che varia a seconda dell'umore o della disponibilità: un G&T, uno spritz, o anche solo due bicchieri di vino; sul tavolo già ci sono le ciotoline e i piattini con qualche stuzzichino, qualcosa di veloce ma buono.

Le uova sode con l'acciuga (meso ovo, in dialetto) sono parte del paradigma classico dei cichetti veneziani, insieme al baccalà, alle sarde in saor, alle polpettine ecc. Buone tanto per strada quanto a casa, semplici da fare all'ultimo minuto e a base di ingredienti che ognuno di noi ha comunemente in frigo. Noi ce li siamo goduti con uno spritz bianco, giusto per fare i veneziani fino alla fine...


Meso Ovo con l'Acciuga

per 4

4 uova bio
8 acciughe in olio, sgocciolate
capperi (facoltativo)
sale e pepe qb

Sodate le uova con la vostra tecnica preferita - il giallo dovrà essere ben sodo. Raffreddate in acqua fredda corrente, sbucciate e tagliate a metà.
Disponete le uova su un piatto, arrotolateci sopra l'acciuga, decorate col cappero, condite con sale e pepe e servite.

SHARE:

14 comments:

  1. I feel we are on the same page with our feelings about aperitivo! From that first picture you painted right to the recipe, I feel like exclaiming, "me too!" To me, the Venetian way IS the way and I love the old-fashioned simplicity - the perfect simplicity - of these eggs. x

    ReplyDelete
    Replies
    1. You and I should move back there sometime (maybe all of us should!) :D Let's think about it!

      Delete
  2. I'm venetian DOC .... Let me correct the spell ... it's "cichetto" not chicheto! it's venitian, not spanish!! :-D

    A part of this - sorry for the joke - ........ your post is quite genuine and evocative!! I'm a prosecco-addicted and my aperitivo time is always sparkling, I wont survive without it!!

    Cheers!!!!! :-D

    ReplyDelete
    Replies
    1. uh gosh ...writing and talking in English all the time make me a bit nuts :) jokin', corretto, thanks for spotting it!

      Delete
    2. Scusa se ho fatto la "maestrina" ... mi piace molto il tuo blog e questo post in particolare mi coinvolge ovviamente molto!!! :-D e comunque il dialetto veneziano ..... non è italiano!!!!!! :-D

      Delete
    3. Ma figurati, anzi, dovrei sapere anche il dialetto in teroria...:) ah, che caduta! Mi rifarò con un post tradotto in inglese, italiano e dialetto, ha!

      Delete
  3. I can't wait to finally visit Venezia again and follow Emiko's and yours tips on places to see and visit to have a proper Venetian aperitivo! Hard boiled eggs are also a family favourite for simple appetizers for lunches, dinners and informal gatherings!

    ReplyDelete
    Replies
    1. They are - so easy to wrap up together! We should make a plan - let's gooooo!!!

      Delete
  4. gli italiani non sanno resistere ad buon aperitivo.una ottima maniera per potersi gustare e apprezzare una bella città come Venezia comodamente seduti!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Direi di sì, io personalmente son proprio debole di sensi...:D

      Delete
  5. Anche io come Juls non vedo l'ora di tornare a Venezia per una gita foodie e "assaggiare" live l'atmosfera che hai così sapientemente raccontato.
    Detto questo, amica, che foto meravigliose ed evocative: hai davvero un dono per la fotografia!
    Un abbraccio
    Jas

    ReplyDelete
    Replies
    1. Reriamente, ragazze, facciamolo, organizziamo! E, riguardo alla fotografia, grazie davvero - davvero davvero.

      Delete
  6. Ciao carissima piacere di conoscere te e il tuo blog. Mi complimento per le belle ricette, le meravigliose foto e le ricette appetitose. Mi unisco subito ai tuoi lettori e vado a dare un'occhiata più approfondita alle ricette. Intanto ti invito a passare anche da me, ne sarei davvero contenta. A presto :)
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    ReplyDelete
    Replies
    1. Benvenuta sul mio blog - e nel mondo del foodblogging in generale! Un grande abbraccio

      Delete

Blogger Templates by pipdig