July 9, 2012

Italian Table Talk #2: Street Food in Venice | Cichètti e Bàcari

Aperitivo

Italian cities in summer see a wave of locals and tourists spending longer days outside, indulging in casual eating and drinking in the street. Venice, Florence, Rome and Naples are packed full with people trying to fill their stomachs with something after a long day hiking and sightseeing, with good or terrible results. Thus, for this summer edition of Italian Table Talk, we thought it was a good idea to discuss the hot topic of street food in Italy, in an attempt to put together some useful information and give a better insight of this century-old practice.

GiudeccaPolpetta Caffé rosso

The first rule to keep in mind is that street food, like any food in Italy, is serious business. It has a code of conduct and as many rules as table eating. Knowing them will save you from tourist traps and disdainful glances, enabling you to taste some authentic local fare along your journey. Breaking these rules will set you apart from the locals, and label you as "tourist" in its worst acceptation.

Street food is not the same all over Italy --rather, it reflects its regionality like any Italian food, and each place knows its food best. Let's consider the most controversial and beloved Italian food: pizza. With very few exceptions, pizza can be considered authentic street food only in Naples, where some old pizza stalls located in the city center will serve you a whole pizza folded as a wallet ("pizza a portafoglio"). Frozen pizza, pizza-kebab, pizza with french fries warmed in a microwave is not what you should eat in Italy--ever.

Spritz time

Time is key. No matter if consumed in the corner of a street or a piazza, street food is always food, and as such, it involves a pause, a hiatus between daily activities, and a good deal of enjoyment. You should be thinking about what you are putting in your mouth even if it is the most simple thing. Also, conviviality is preferred --sharing a meal is seen as a leisurely moment of eating and chatting with friends and family at the end of the day. Also, eating any time of the day is not a good idea. Lunch time will be between 12 and 15 pm, dinner from 7 pm on --this is when you'll find the best, freshest food coming out of the kitchen.

Gondolier eats a bananaHidden Campo

Eating while walking is not well seen in Italy. Leaving on a side those who eat while running between a lecture and another to save themselves from fainting, eating in the street is usually a still activity, performed standing or sitting on the stairs of a monument, a wall, a fountain, a bench. One of the few exceptions is gelato, which can be enjoyed while strolling peacefully, glancing at shop windows or contemplating ideas.

Coffee, as many know, is not a street drink. Those two minutes between ordering an espresso at the counter and emptying your little cup won't make any difference in terms of time keeping, so better savoring the moment with eyes closed.

These are some good, general rules to consider while tackling the rules of street food and street eating. But besides those, as I said, every region, every city will have its own specificities, and the best way to deal with them is to go with the locals, and do what they do. As a Venetian, I have a good dose of experience in testing the authentic local street food --what to eat and where to go.

Spritz MenuSardines

Street food in Venice is very unique and specific to the city. It has old roots and carries a particular terminology in the local dialect. The ritual can be summarized as "andar par bacàri". Bàcaro is not a restaurant but a small, rustic place (with generally very few sittings) where you can find some small nibbles to go with a glass of something. The origin of the name is controversial, but the most accredited version is related to the Roman divinity of wine, Bacchus. The ritual, not dissimilar to the Spanish "tapas", consists in going from a bacàro to the other before lunch or dinner, having a drink at each stop, and accompanying it with a few small bites to soak the alcohol. These small nibbles are called cichètti, from the latin ciccus, which means "small". The most typical cichètti are fried tuna ball, fried meatball, fried sardines, sarde in saor (with sweet and sour onion), half hard boiled egg with an anchovy, fried squid on a stick, panino col baccalà (cod paté), a couple of slices of sopressa (a local salami with garlic and black pepper). Nowadays, many bàcari have switched to more refined bites, more similar to sophisticated tapas, or have added some seatings for those who want to have a plate of seafood pasta or some more substantial dishes.  My suggestion is to skip all of that and stick to the nibbles, moving around, trying different things in each and every place --the choice is big and more than satisfactory. As for drinks, a very very classic one is bianco con l'acqua --white wine with water served in a water glass for 1 euro-- or spritz bianco --sparkling or still white wine with bubbly water, ice and a slice of lemon, which is the first version of spritz, invented by Austrian soldiers to cut the alcohol in their beverage. Also, the classic spritz with Aperol, of more recent origin, or a simple glass of prosecco còl fondo (surlie) or local wine.

ChichètiBaby octopus

One common feature that applies (or should apply) to all good bàcari is that the food is fresh, has a quick turnover and it is cheap. In order to choose a good bàcaro, go for a place a little hidden from the main streets, with plenty of locals and most of all, with Venetian staff. Go for the standing option over the table service, and always check the prices --never more than 1.50 for a polpetta, 2.50 for a spritz or a glass of prosecco.

Now, my list of favorites, which are all around the Rialto Bridge and are easy to reach in random order (if you're lost, ask the locals for directions):

- All'Arco, San Polo 436.
- Do Spade, San Polo 260.
- Al Marcà, San Polo 213.
- Cantina Do Mori, San Polo 429.

No excuses now, no more sentences like "Venice is too expensive" or things like that. Your alternative to chinese pizza or bad ice-cream is just around the corner, a bit hidden, but present, cheerful, cheap and fulfilling. Once you try it, you'll never go back.

And if you plan to move along Italy, here are great tips from Emiko to eat along the Tuscan coast, from Giulia to try Lampredotto in Florence, and from Jasmine for a refreshing Sicilian granita at the end of a meal. Enjoy, and see you here in a month or so! In the meantime, you can find

Giulia on Pinterest, Facebook or Twitter
Emiko on Pinterest or Twitter
Jasmine on Pinterest, Facebook and Twitter
And your truly on Pinterest, Facebook or Twitter

Also, we will keep you updated about Italian Table Talk on Twitter via the hashtag #ITableTalk.

----------------------°°°°°°°°°°------------------
Calle

D'estate, le città italiane vedono un'ondata di gente, locale e non, riempire le strade fino a tarda ora, smangiucchiando e bevicchiando quà e là sulla via. Venezia, Firenze, Roma e Napoli si riempiono punualmente di gente che ad una certa ora ha bisogno di riempire i propri stomaci gorgoglianti, risultato di lunghe giornate di visite a piedi, con buoni o pessimi risultati. Per questo motivo, abbiamo pensato di dedicare il secondo episodio di Italian Table Talk al cibo di strada in Italia, nel tentativo di mettere insieme qualche informazione utile a chi si avventurasse nelle vie cittadine della nostra penisola in cerca di cibo.

Break

La prima cosa da tenere bene in mente è che il cibo di strada ha la propria dignità ed importanza, oltre ad una serie di regole di condotta che, se rispettate, ci risparmiano da tanti sguardi di disprezzo e ci permettono di assaggiare quelli che sono gli autentici sapori del luogo, mentre se infrante, ci faranno guadagnare l'etichetta dispregiativa di "turisti", con tutte le conseguenze del caso.

Il cibo di strada, naturalmente, cambia di città in città, e riflette la regionalità della cucina italiana tanto quanto il cibo da tavola. Prendiamo ad esempio la pizza, cibo italiano tr ai più controversi: si potrebbe dire che sia un autentico cibo si strada solo a Napoli, dove sopravvive il rito della "pizza a portafoglio". Pizza col kabab, con le patatine, pizza surgelata riscaldata al microonde non è pizza nè cibo di strada, e è la scelta più sbagliata che si possa fare, sempre e in tutta Italia. 

Dehor

Il tempo è concetto fondamentale. Non importa se si sta mangiando all'angolo di una strada o in mezzo ad una piazza, quel che conta è che di cibo si tratta, e che questo richiede una pausa, uno iato tra le attività quotidiane, e una buona dose di godimento nell'atto di mangiare. Per quanto semplice possa essere il cibo che stringete tra le mani, si dovrebbe comunque pensare a cosa stiamo menttendo in bocca. Già questo ci salverebbe da tante trappole (aka mangime per turisti). La convialità è ovviamente l'opzione preferita, essendo che mangiare è pur sempre un momento di condivisione con amici o famiglia. 

Mangiare mentre si cammina, si sa, non è molto apprezzato in Italia. Certo, infilare un panino in bocca mentre si corre da una lezione all'altra ci salva dallo svenimento e passi, ma il cibo di strada vero è proprio è sempre e comunque un'attività da fare sul posto, seppur in piedi o seduti sui gradini di una chiesa. Una delle poche eccezioni è il gelato, che si usa gustare a passeggio.  

Il caffè, come sappiamo bene, si beve da fermi, cosa che ci differenzia dal resto del globo. Quei due minuti tra l'ordinare un caffé e svuotare la tazzina non fanno davvero molta differenza, no? Meglio assaporare il momento ad occhi chiusi che tentare lo slalom tra i passanti. 

Campo S. MargheritaCanal

Al di là delle regole generali, ogni regione, ogni città, come ho detto, ha le sue specificità, e il modo migliore per destreggiarsi è fare quello che fa la gente del luogo. Da veneziana, la mia esperienza quanto a cibo di strada si concentra soprattutto in questa città, così ho pensato di dirvi di più delle sue tradizioni su questo tema. 

Il cibo di strada di Venezia è decisamente unico e ristretto quasi esclusivamente alla città. Ha radici antiche e una terminologia specifica nel dialetto locale. Il rito è quello di "andar par bacàri", dove bàcaro è quel locale un po' osteria, un po' vineria, rustico e senza pretese, dove è possibile trovare sempre un bicchiere di qualcosa da accompagnare con qualche stuzzicheria. L'origine del nome è controverso, ma pare sia riconducibile al dio Bacco. L'andar per bacari, simile all'"ir de tapas" spagnolo, consiste appunto nell'andare da un locale all'altro prima del pranzo o la cena, nel prendere un bicchiere ad ogni fermata mangiucchiandoci qualcosa assieme, in piedi e in compagnia. Quel che si mangia in un bàcaro sono i cichètti, dal latino ciccus, che significa "piccolo". I cichetti più classici sono le polpette di tonno o di carne, le sardine fritte, le sarde in saor (fritte e coperte di cipolla in agrodolce), mezzo uovo sodo con l'acciuga, spiedini di seppia fritta, il panino col baccalà mantecato, un paio di fette di sopressa. Oggi, molti bàcari si sono convertiti in piccoli ristoranti, offrendo non solo chichèti di lusso come scampi e altre cose, ma aggiungendo anche posti a sedere per consumare un piatto di pasta di pesce o del baccalà. 

Il mio suggerimento è quello di lasciar perdere un pasto vero e proprio, per una volta, e di limitarsi a godere di questi piccoli morsi di piacere, spostandosi, andando in giro, provando qualcosa di diverso in ogni locale (la scelta è ampia e più che soddisfacente). Quanto al bere, un bicchiere di qualcosa prende il nome di "ombra", per il fatto che si usava consumarlo nel refrigerio di una calle. "Ndemo farse un'ombra", diciamo, ma di che cosa?  Un grande classico è il bianco con l'acqua (vino bianco servito nel bicchiere basso, tagliato con acqua) o lo spritz bianco (prosecco con acqua frizzante, ghiaccio e fetta di limone, è questo lo spritz originale, inventato dai soldati austriaci in Italia per tagliare l'alcol nei loro bicchieri di vino). Ancora, il classico spritz all'aperol, di origine più recente ma di gran successo, o un semplice bicchiere di prosecco col fondo. 

Stuffed CattlefishShrimps

Le caratteristiche che un buon bàcaro dovrebbe avere sono pesce fresco, giro veloce tra cucina e bancone, menu in italiano e prezzi modici. Un buon segnale è vedere veneziani fuori dalla porta, e personale veneziano pure. Come prezzi (al banco, naturalmente, la scelta migliore), non si dovrebbero mai superare 1.50 per una polpetta, e 2.50 per uno spritz o un bicchiere di prosecco.

E adesso, la mia lista di preferiti, tutti concentrati a due passi da Rialto, facilissimi da raggiungere in ordine sparso (se vi perdete, chiedete a uno del luogo):

- All'Arco, San Polo 436.
- Do Spade, San Polo 260.
- Al Marcà, San Polo 213.
- Cantina Do Mori, San Polo 429.

Niente più scuse, insomma. Niente più frasi del tipo "Oh, ma Venezia è così cara!", perché l'alternativa al mangime per turisti è sotto i vostri occhi, un po' nascosta forse, ma presente, vitale e più soddisfacente che mai. Una volta provato, non si torna indietro. 

E ora, qualche suggerimento da Emiko per mangiare lungo la costa etrusca della Toscana, da Giulia per mangiare un bel panino al lampredotto a Firenze, e da Jasmine per preparare una rinfrescante granita al caffè. Buona lettura, e ci vediamo qui tra un mesetto. Nel frattempo, potete trovare 

Giulia su PinterestFacebook o Twitter
Emiko su Pinterest o Twitter
Jasmine su PinterestFacebook e Twitter
E me medesima su PinterestFacebook o Twitter

Italian Table Talk su Twitter seguendo l'hashtag #ITableTalk.

A presto!



SHARE:

24 comments:

  1. The spritz's shot is simply amazing. But what I really mean is that you're amazing.
    I've never loved the city that much, but now I'm starting to see it under new lights and more enjoyable points of view.

    ReplyDelete
    Replies
    1. yep yep, torna e vedi, c'è tanto di bello dietro al turistume...metto in saccoccia l'amazing, che mi serve un sorriso in tutto sto grigiume di Londra.

      Delete
  2. What. A. Post. I miss Venice, I miss home and I miss you. Uh, and I miss sarde in saor, so much!

    ReplyDelete
    Replies
    1. yes, I miss it too already. Miss u. Let's all go back to Italy and do occupy piazza delle erbe!

      Delete
  3. che foto meravigliose (pupille dilatate e sorrisetto ebete sulle labbra)

    ReplyDelete
  4. Loving the Italian table talk series from you ladies!
    I was fortunate to discover the 5/5 in Livorno last week with Juls and Emiko. I love street food, it's so beautiful to have simple but good food.
    No fuss, nothing posh! Just decent food!
    You made me long for Venice again, I love Venice! I discovered a small chicheti bar in the student area of Venice but as Venice is such a maze, I never found it again!
    Now I always remember to ask a card with details!
    Lovely pictures!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Exactly, decent, unfussy and cheap! Next time you go, ask for those places, amazing experience and really good food! :)

      Delete
  5. Bel post e belle fotografie!! Grazie per diffondere nel mondo le tradizioni locali italiane!!
    Un abbraccio

    ReplyDelete
  6. Replies
    1. Thank you so much, Michael, your words mean a lot to me!

      Delete
  7. Great tips and photos! I'm loving this Italian table talk, and wish I could hop a plane there today. :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oh, do it soon! October is the best time to visit Italy! :D

      Delete
  8. Ciao che bello il tuo blog...unico limite per goderlo appieno è la mia scarsa conoscenza dell'inglese...anzi nulla; però le tue foto sono così eloquenti e magiche che è stato un piacere seguire seguire italian table talk anche a Venezia!:-D piacere di conoscerti laura

    ReplyDelete
    Replies
    1. traduzione arrivata, scusa tanto del ritardo! piacere mio, grazie mille per essere passata!

      Delete
  9. Al Marcà e Do Mori sono le mie tappe preferite tutte le volte che vado a Venezia. Soprattutto la Cantina Do Mori mi piace per l'atmosfera inimitabile.
    Poi, adoro l'andar per bàcari, perdermi tra le calli, respirare l'aria salmastra della laguna e ovviamente assaggiare polpette e sarde in saor! Bellissime foto! Ciaoo

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eh si, la cantina Do Mori ha quel mood inconfondibile! Il bello di Venezia è proprio quello che dici tu, avere il coraggio di perdersi e provare di tutto un po', se più persone lo facessero, sarebbe forse una città un po' più amata!

      Delete
  10. Di articoli sulla nostra tradizione gastronomica se ne leggono tanti, ma così esaurienti e precisi era da tempo che non se ne vedevano, davvero complimenti quindi!
    Solo due piccoli dettagli:
    l'ombra cui risale il termine usato oggidì (e che corrispondeva ad un decimo di litro esatto) non era tanto l'ombra delle calli ma l'ombra dei campanili dove si trovano un tempo le mescite di vino.
    Inoltre l'origine del termine bacaro è piuttosto dibattuta, recentemente sembra essere tornata in auge questa versione:
    l'origine risale all'annessione di Venezia al Regno d'Italia. La barriera doganale sorta di conseguenza tra Venezia e la Dalmazia (che per mille anni fu possedimento veneziano), da cui provenivano gli apprezzati vini da osteria, aguzza l'ingegno di un mercante pugliese che terminato il suo servizio militare nella Regia Marina si era stabilito in città. E' sua infatti l'idea di importare dalle Puglie un vino locale per rivenderlo nel suo locale. Il vino in questione è molto corposo e forte, al punto che un gondoliere lo battezza "vin da bàcaro", cioè vino da baldoria.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie mille per la precisazione, sono felice che ti sia piaciuto il mio post!

      Delete
  11. Gorgeous pics, you know how to catch the italian mood ... Love it !

    ReplyDelete
  12. Hi Valeria, I am travelling to Venice in April and this is some great advice. Only problem is that both my fiance and I are vegetarian. Would you have any suggestions for us? Thanks!

    ReplyDelete
    Replies
    1. I heard very good things about this place although I never visited myself
      http://www.lazucca.it/

      hope that helps!

      Delete

Blogger Templates by pipdig