June 19, 2012

Good-Mood Chocolate Cookies

Chocolate Chip Cookies

It takes only a slipping knife, and one's world is turned upside-down for days. That's what happened, a knife that slipped, a cut in a hand, stitches, home from work. Me not being able to perform the most stupid, basic, daily tasks, from putting up my hair to washing my face.  From cutting an apple from my oatmeal to washing a salad. From baking bread to doing the dishes.

"I feel like Edward Scissorhands", I told J, while trying to serve myself some salad, failing miserably and spreading corn kernels all over the table. He smiled, helped me with the serving spoons and cleaned my mess. He knows I am stubborn. Sometimes, he lets me try, but he is ready to save the situation before I go too far. "Nonono, Val, leave it, sit down."

I am tired of sitting down already.

One, two, three days at home like that and I start to feel anxious. Sure, I can read. I can use my time to do (pretty useless and yet fulfilling) tasks that I have put on a side for a long time. Re-organize ideas, write those emails saved in the draft file for months --yes, typing with one hand takes ages, but thank god I have anything but time. Take walks and deep breaths. I can take pictures with one hand, although blurry 99% of the times. But.

This is a good lesson. The smallest thing can deeply affect us, our routine and habits. Never take anything for granted. And beware of small, sharp knives, please. You really don't want to end up like yours truly, I assure you.

table mood
Chocolate Chip Cookies

Anyway, let's stop with my lament. I thought something sweet would uplift the spirit of this post (and mine), so here I am, talking about chocolate chip cookies. What? Me, chocolate, cookies? Yep, you heard me. Chocolate chip cookies and milk is one of the most miraculous cures for lonely souls. Give them to a kid with the flu and he'll feel better in a second. Give them to J and his day will shine of a new light. Oh, give one to me, too, please. Want some? I have plenty. I made them before getting hurt and look how useful they turned out. Another lesson: never ask yourself too many questions while making (a lot) of cookies. They will come handy sooner or later.

Now, I strongly believe the world doesn't need another chocolate chip cookie recipe --or it surely doesn't need mine. I don't have one, anyway. Also, I think that in hard times, one should rely on trusted friends. So I did --I headed to her blog and looked for chocolate chip cookies, found many, chose my favorite and had me started.

I followed her instructions pretty closely, having almost all the ingredients required for, but as she says at the beginning of the recipe, you can swap and adapt it at your liking. My impression: these cookies are small bite-size bombs of chewy goodness. But, they are sweet, very very sweet. So, if you like sweet go for it, they are just the perfect cookies for you, if not, my suggestion is to lower the sugar called for by 1/4 cup at least, or to use a more bitter, darker type of chocolate. Or both. That's what I am going to do next --whenever my hand allows me to -- and what I reported on the recipe below. In the meantime, I'll enjoy what remains of these, dipped in a big cup of milk which is sitting precariously on the couch edge. I like to live dangerously, I'll never learn.

Chocolate Chip Cookies

Bite-Size Chocolate Chip Cookies

Lightly adapted from an Heidi Swanson's recipe

Yields about 60 small cookies

5 oz/140 gr good-quality semi-sweet chocolate bar (I used Hotel Chocolat 66% dark chocolate)
1 cup whole wheat flour
1/2 tsp baking powder
1/2 tsp baking soda
1/2 tsp salt
1 cup old-fashioned rolled oats
1/2 cup walnuts, finely chopped (by hand)
1/2 cup unsalted butter, at room temperature
3/4 cup raw natural dark brown sugar
scant 1 T organic unsulphured molasses (blackstrap)
1 medium organic egg
1 1/2 tsp pure vanilla extract

Preheat your oven to 350F degrees, racks in top and bottom third. Line two baking sheets with parchment paper. Finely chop the chocolate bar into tiny shavings. In a mixing bowl, whisk together the flour, baking powder, baking soda, salt, oats, walnuts, and shaved chocolate. Set aside. Using a wooden spoon, cream the butter until fluffy, then add the sugar and mix until it is also light and fluffy. Add the molasses, then the egg and the vanilla, mixing until everything is well incorporated, Add the flour mix and stir until the ingredients come together into a uniform dough. Scoop out the dough in  tablespoon size. Roll each tablespoon of dough into a ball shape. Place two inches apart on your prepared baking sheets. Bake for 10 minutes or until cookies are golden and fragrant. Remove from oven, and cool on a wire rack. Store in an air-tight container up to 10 days.

--------------------°°°°°°°°°°--------------------
Chocolate Chip Cookies

Basta che un coltello vi scivoli di mano e il vostro mondo si scompiglia. Questo è quello che è successo a me, un coltello che scivola, un bel taglio su una mano, due punti, a casa. Io che non sono capace nemmeno di fare le cose più basiche, dal legarmi i capelli al lavarmi la faccia, dal tagliare una mela a lavare l'insalata, dal fare il pane al lavare i piatti.  

"Mi sento come Edward Mani di Forbice", ho detto a J mentre mi disperavo nel tentativo di mettermi l'insalata nel piatto, sparpagliandola invece su tutta la tavola.  Lui sorride, mi prende i cucchiai dalla mano, mi serve l'insalata e ripulisce il disastro. Sa che sono cocciuta e mi lascia provare, ma è sempre pronto a salvare la situazione. "Nonononono Val, lascia, no lasciaaaa, stai giù". 

Son già stufa di stare giù.

Uno, due, tre giorni a casa in questo stato e già inizio a scalpitare. Certo, posso leggere, fare tutte quelle cose (utili o meno) che avevo accantonato per mille motivi di tempo e priorità. Posso riorganizzare le idee, scrivere quelle vecchie mail salvate in bozze per anni (anche se a scriverle con una mano sola ci metto un secolo). Posso camminare e respirare a pieni polmoni l'aria fresca del parco. Posso perfino fare foto con la mano buona, sebbene belle suocate nel 99% dei casi. Ma.

Chocolate Chip Cookies

Mi sarà di lezione, quest'è certo. Il più piccolo, veloce evento può influire moltissimo sulle notre abitudini, sulla nostra vita quotidiana. Mai sottovalutare, mai dare per scontato. E mai fidarsi di piccoli coltelli affilati. Che poi non si dica che non vi ho avvisati --di sicuro non voglio che finiate come la sottoscritta.

Comunque, archiviato il lamento, passiamo a qualcosa che possa sollevare gli animi (i vostri, il mio, e quello del post). Qualcosa di dolce, qualcosa come i biscotti al cioccolato. Che, chi, io, biscotti, cioccolato? Eh, che vi devo dire, i biscotti al cioccolato sono davvero una delle miglior cure per animi affranti, e sono sicura di non essere l'unica a pensarlo. Dateli ad un bambino con la febbre e smetterà di piagnucolare. Dateli a J e un nuovo sole illuminerà la sua giornata. Datene anche uno a me, per questa volta. Voi potete prenderne quanti volete, ce n'è per un reparto ospedaliero intero. E mica li ho fatti ora, eh, li avevo fatti prima dell'incidente, e guarda come son tornati utili! Altra lezione: mai aver le braccia corte in tema di biscotti, non si sa mai quando ne avrete bisogno (parlo per aforismi più di Forrest Gump, di questi tempi, perdonatemi).

Chocolate Chip Cookies
Ora, sono della ferma opinione che il mondo non necessiti affatto dell'ennesima ricetta dei biscotti con le gocce di cioccolato (i famigerati chocolate chip cookies), non importa quanto ultimate sia. Inoltre, sono convinta che nei momenti del biosogno sia importante rivolgersi a fonti sicure e amici fidati. Così ho fatto: sono andata dritta sul suo blog, ho digitato "chocolate chip cookies", ho trovato una sfilza di ricette e ho scelto quella che faceva al caso mio. 

Ho seguito le istruzioni abbastanza fedelmente, avendo quasi tutti gli ingredienti giusti, ma avrei potuto anche fare di testa mia se avessi voluto (la ricetta si presta bene a modifiche). Impressioni: questi biscottini da morso e via sono delle piccole bombe di mastichevole bontà.  Ma sono dolci, molto molto dolci, per cui vi avverto, se vi piace il dolce OK, se vi piace con moderazione vi consiglio di seguire il mio suggerimento (riportato nella ricetta sotto) e di usare meno zucchero e/o del cioccolato più amaro.  Seguirò il mio stesso consiglio anch'io, la prossima volta --quando la mia mano incidentata mi permetterà di rimettermi ai fornelli. Nel frattempo, mi godo quel che resta di questi, affondandoli in un bicchierone di latte posato precariamente sul bracciolo del divano. Sì, mi piace vivere pericolosamente. No, non imparerò mai. 


Bite-Size Chocolate Chip Cookies

Leggermente adattata da una ricetta di Heidi Swanson

Per circa 60 piccoli biscotti

140 gr di buon cioccolato al 65-70% di cacao (io ho usato Hotel Chocolat 66% dark chocolate)
1 cup/ circa 140 gr di farina integrale
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 tsp cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/2 cucchiaino di sale fino
1 cup/ 90 gr di fiocchi d'avena 
1/2 cup/ 60 gr di noci tritate molto finemente
1/2 cup/110gr di burro morbido
3/4 cup/165 gr zucchero di canna naturale (muscovado)
1 cucchiaio scarso di melassa (o miele dal sapore deciso)
1 uovo medio
1 cucchiaino e mezzo di estratto di vaniglia puro

Accendete il forno a 175°C. Coprite due leccarde da forno o teglie da biscotti con carta forno. Tagliate quindi il cioccolato molto molto finemente e aggiungetelo a farina, sale, lievito, bicarbonato, avena e noci in una ciotola capiente. In un'altra ciotola, riducete il burro a crema con un cucchiaio di legno o il mixer, aggiungete lo zucchero e continuate a lavorare, quindi aggiungete l'uovo, la melassa e la vaniglia e mescolate il tutto fino a che il composto non è bello omogeneo. Aggiungete i liquidi agli ingredienti secchi e mescolate fino ad amalgamare gli ingredienti. Con l'aiuto di un cucchiaio come misura, prendete l'impato e lavoratelo tra le mani fino a formare una pallina, disponetela sulla teglia, e ripetete fino alla fine dell'impato. Distanziate i biscotti perchè si allargheranno durante la cottura. Infornate e cuocete per 10 minuti. Sfornate e fate raffreddare su una gratella. Si conservano bene per 10 giorni in un contenitore ermetico o una scatola di latta. 




Pin It Now!

7 comments:

  1. Sorrido, soffio pozione 'guarisci in fretta' e ti scrivo. Con calma. :)

    ReplyDelete
  2. biscotti da mangiare in preda a cioccolatitudine acuta, tanto rara per me da farmene scordare l'esistenza. ci si mettono contro pure 36° e passa che istigano, piuttosto, a farsi fuori un numero imprecisato di ghiaccioli.
    scritta così ha tutta l'aria di un commento molto antipatico :-)
    invece no, è solo un pretesto per lasciare una traccia di questo mio piccolo rito che è diventato il leggere queste pagine.
    stufa, stufissima dei lustrini e del dilagante egocentrismo del mondo-blog-markettaro-ecc.. sto riscoprendo con calma il piacere di leggere, osservare e curiosare laddove piace a me, dove sento di avere qualcosa in comune con chi scrive, per il solo e puro piacere di specchiarsi in una vita altrui, lasciarsi ispirare, sorridere, pensare. anche senza il commento quotidiano.
    quì mi sento molto "a casa".
    e questo volevo scrivertelo.

    guarisci presto!

    Dora

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dora, anche se con ritardo vergognoso, torno a ringraziarti a cuore aperto delle tue parole, che mi hanno fatto e continuano a fare tanto bene ogni volta che le leggo. cerco, nel mio piccolo, di rimanere fedele a me stessa, a volte chiedendomi se ne valga la pena di rimanere dura e pura, altre essendolo semplicemente perché non conosco altro modo. Pensieri come il tuo mi ricordano che a volte l'onestà viene percepita nel suo valore da chi, questo valore, lo condivide. Un abbraccio, e grazie ancora.

      Delete
  3. Foto stratosferiche, come sempre...biscottini da svenimento...Guarisci presto!
    simo

    ReplyDelete
  4. I don't understand why pharmacies don't stock chocolate chip cookies. Surely they are such a cure-all that some other medicines would be rendered unnecessary. Whether recovering from a broken heart, a broken diet (oh, yes), or a nearly broken foot - there is nothing better to turn to than a chocolate chip cookie :)
    I hope your hand feels better very soon!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Agreed, why?! :D Thanks, my hand is much better now --I am so late in answering comments, sorry! But I will find another good excuse to make these cookies again, for sure!

      Delete
  5. Oh poca paletta che incidente!!! ...devo stare attenta anche io, mio moroso dice che sbadata come sono su certe cose è già tanto che abbia tutte le dita;)
    Buoni questi biscotti cioccolatosi!!! ...tengo buono pure il suggerimento di farne tanti, son di sicuro uno tira l'altro!!!! Auguri per la mano!!! ;)

    ReplyDelete