March 7, 2012

Super Natural Muffins

Millet Muffins

Moving to a new city means squeezing one's life into suitcases and boxes. It happened a few times in my life, and it is happening again soon. There is no complaint in my words --I am actually thrilled to embark in this new adventure.  Rather, there is a little nostalgia for all the things I will leave and can't bring with me. For much that I try to be a simplifier, I keep accumulating things, surrounding myself with objects that embellish and create some atmosphere. I don't know why I do it --buying books and kitchen utensils among others --when I am absolutely aware that I won't be able to take them with me into my next home town and new chapter of my errand life.

I find myself being envious of those beautiful collections of cutlery and dishes I see on Pinterest. I think: "I won't ever be able to have this". I keep dreaming about a house that won't probably exist outside my head for a long time, if ever. A house filled with books collected over the years, with pieces brought back from trips around the world, with personal touches here and there.

Books are hard to bring along because they are heavy and take lots of room in a suitcase. However, I will never convert to a kindle --sorry, there is simply no comparison. I prefer to leave physical books at my parents' house, knowing that sooner or later I will put my hands on them again, rather than having the digital version of them. There are some favorites that I never leave behind: fiction books like Norwegian Wood and Mrs Dalloway, essays like The Art of Travel  and a few cookbooks. I have many cookbooks and I keep buying more pushed by curiosity, pictures or just trends, but I always find myself cooking from the same old trusted ones.

Bran Muffins

One of the cookbooks I inspired myself the most from during this past year is Super Natural Everyday by Heidi Swanson. I am sure you heard about it or even have it on your shelves. I think it is a brilliant book and a true source of genius ideas for everyday cooking. I think J and I tried 80% of the recipes during our stay in Bra and we liked them all. They are simple and yet never banal, and very versatile and adaptable to what one has in the fridge and kitchen shelves. In a word, they are homey. This is surely one of the books that will come with me, ready to be taken out of the suitcase upon our arrival. It will surely help us to feel immediately at home wherever we will be.

Lately I tried both muffin recipes contained in the book, one with millet and one with bran cereal. I had them bookmarked since a while and last week I finally made them with the excuse to leave some for my family while I was away in Berlin. Both versions turned out astonishing --unique and with a great depth of flavor. I took one of each with me on the airplane and they made for the perfect traveler's snack. I will probably make some more for the next trip, toward a destination that J. and I would love to call home for a while.



Millet Muffins
From Super Natural Everyday by Heidi Swanson

makes 12

2 1/4 cup whole wheat (pastry) flour 
1/3 cup raw millet (I used 1/2 cup)
1 tsp aluminum free baking powder
1 tsp baking soda
1/2 teaspoon fine-gran sea salt
1 cup plain organic yogurt
2 organic eggs, lightly beaten
1/2 cup barely melted butter
1/2 cup raw honey
grated zest and 2 T juice from 1 organic lemon


Preheat the oven to 400° F. Line a standard 12-cup muffin pan with paper liners. In a large bowl, whisk together flour, millet, baking powder, baking soda and salt. In a medium bowl, whisk together yogurt, eggs, honey, butter and lemon zest and juice. Add the wet ingredients to the dry ones and stir until the flour is just incorporated. Do not over-mix. Divide the batter among the muffin cups, filling a bit below the rim. Bake for about 15 minutes, until the muffins are cooked through and tops are golden brown. Remove from the oven and let cool five minutes in the muffin pan, than turn muffins out of the pan and let cool completely on a wire rack.


Bran Muffins
Adapted from Super Natural Everyday by Heidi Swanson

The original recipe calls for buttermilk but I used some plain goat's milk yogurt I had in the fridge and it worked just as good. I also substitute both maple syrup and cane sugar with molasses. Finally, I added a handful of golden raisins for some extra-sweetness and texture. The result is flavorful, dark, dense and licorish-y, perfect for a healthy and hearty breakfast. 

makes 12

2 organic eggs, lightly beaten
1 cup buttermilk or yogurt (I used goat's plain loose yogurt)
1/2 cup barely melted unsalted butter
1/2 cup molasses (or 1/4 cup maple syrup and 1/4 cup natural cane sugar)
1/2 cup unprocessed wheat bran
1 1/2 cup plain, unsweetened bran cereal
1 cup whole wheat (pastry) flour
1 tsp aluminum-free baking powder
1 tsp baking powder
1 tsp fine-grain sea salt
1/3 cup golden raisins or sultanas (optional)

Preheat the oven to 400° F. Line a standard 12-cup muffin pan with paper liners. In a large bowl, whisk together eggs, butter, molasses and yogurt. Sprinkle the bran and bran cereal over the top, add raisins, stir and allow the mixture to sit for 5-10 minutes. In the meantime, in a separate bowl, whisk together flour, baking powder, baking soda and salt. Add the dry ingredients to the wet ones and stir until just combined. Fill the muffin cups up to three-quarters with the batter. Bake for about 20 minutes, until the muffins are cooked through and tops are set and browned. Remove and let cool five minutes in the pan, than turn and let cool completely on a wire rack.

---------------------°°°°°°°°°°---------------------
Millet Muffins

Cambiare città spesso significa comprimere la propria vita in scatole e bagagli. Mi è già successo più di qualche volta, e presto accadrà di nuovo. Non c'è spazio per lamentele nelle mie parole, tutt'altro, sono elettrizzata all'idea di imbarcarmi in questa nuova avventura. C'è piuttosto un velo di nostalgia per tutte quelle cose che non riuscirò ancora una volta a portare con me. Cerco di essere una semplificatrice, ci provo ma fallisco miseramente. Sotto sotto, amo collezionare cose belle, oggetti per la cucina, libri. Tutte cose che so di non poter portare con me nel capitolo successivo della mia vita vagabonda. 

Ogni tanto provo un briciolo d'invidia per quelle meravigliose collezioni di stoviglie che trovo su Pinterest, perché penso che non riuscirò mai ad avere qualcosa del genere. Continuo a sognare una casa che per anni ed anni, se non per sempre, esisterà sempre e solo nella mia testa. Una casa piena dei libri accumulati nel tempo, con pezzi comprati in ogni angolo del mondo, con piccoli tocchi personali quì e là.

I libri, in particolare, sono difficilissimi da portare con sé, essendo così pesanti ed ingombranti. Eppure, so che mai mi potrei convertirmi al kindle. Non c'è proprio paragone tra uno schermo e il toccare, sottolineare, imbrattare libri veri. Leggerli e rileggerli, sorridere delle piccole note a margine fa parte di quei piaceri a cui non so rinunciare. Sì, sono cliché. Pazienza. Preferisco quindi lasciarmi alle spalle dei libri veri, magari riporli a casa dei miei genitori in attesa di avere una fissa dimora, piuttosto che non averli affatto, o di averli solo in forma digitale. 

C'è un gruppo ristretto di libri da cui proprio non riesco a staccarmi, e che viaggia sempre con me: Norwegian Wood, Mrs Dalloway, The Art of Travel per citarne alcuni. E poi alcuni libri di cucina. Di questi come per altre cose ne compro di continuo, un po' per curiosità un po' per senso estetico. Però poi quelli che uso davvero con costanza si possono contare sulle dita di una mano. 

Bran Muffins

Uno dei libri di cucina che mi ha ispirato e guidato durante quest'ultimo anno e che continuerà a farlo per tutto il 2012 e oltre è Super Natural Everyday di Heidi Swanson. Sono certa che già ne avrete sentito parlare, e che magari già compare sui vostri scaffali. Lo trovo un libro fantastisco, ben pensato, pieno di idee geniali per la cucina di tutti i giorni. Credo di avere provato un buon 80% delle ricette solo durante la permanenza braidese. Sono ricette semplici ma mai banali, che si prestano a variazioni e a giochi di fantasia. Fanno subito "casa". Questo libro verrà con me, con noi, e ci aiuterà a ricostruire quel senso di "casa" in qualunque posto decideremo di mettere radici. 

L'ultima cosa che ho cucinato dal libro sono i muffin. Nel libro ci sono due ricette: muffin al miglio e muffin alla crusca. Me le ero segnate già da un po', ma la scusa perfetta per fare entrambi in una sola volta è stata la partenza per Berlino, e il desiderio di lasciare a casa qualcosa di buono per la colazione. Entrambe le versioni mi sono piaciute molto: uniche nel loro genere, piene di sapore, rustiche e sane. Di questi muffin, due sono finiti nel mio bagaglio a mano per poter essere mangiucchiati sull'aereo, e devo ammettere che sono davvero lo spuntino perfetto per viaggiatori last-minute. Li farò di nuovo, magari in vista di quest'altro imminente viaggio. Un viaggio verso un luogo che io e J. vorremmo riuscire a chiamare casa almeno per qualche tempo.


Muffin al Miglio
Da Super Natural Everyday di Heidi Swanson

per 12

280 gr di farina di frumento integrale
60 gr circa di miglio crudo
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di sale marino fino
225 gr di yogurt naturale bio
2 uova bio leggermente sbattute
120 ml di burro fuso
120 ml di miele non pastorizzato
buccia + due cucchiai di succo di un limone

Accendere il forno a 200° C. Preparate due stampi da 6 muffin o uno da 12 con all'interno i pirottini di carta. In una ciotola capiente, mescolate farina, miglio, lievito, bicarbonato e sale. In un'altra ciotola mescolare uova, yogurt, miele, burro e succo di limone. Versare gli ingredienti umidi su quelli secchi, mescolare appena finché la farina non sia incorporata, poi trasferire la pastella negli stampini, riempiendo fino a tre quarti. Cuocere in forno per 15 minuti circa, assicurandosi con uno stuzzicadenti che siano cotti dentro, e che siano ben dorati e gonfi sopra. Sfornare e lasciar raffreddare per alcuni minuti nelle formine, poi sformare e finire di far raffreddare su una gratella. 



Muffin alla Crusca
Adattata da Super Natural Everyday di Heidi Swanson

Nella ricetta originale veniva usato il latticello, che non avevo, e così ho usato dello yogurt bianco di capra liquido. Buonissimo, ma dello yogurt normale o del kefir saranno ugualmente perfetti. Ho anche sostituito lo sciroppo d'acero e lo zucchero di canna con ugual quantità di melassa, per dare un risultato ancora più scuro e dal sapore complesso. Potete seguire le dosi come da libro, o usare tutto zucchero o tutto miele. Infine, ho aggiunto una manciata di uvetta sultanina per dare un tocco di dolcezza e consistenza. Il risultato è moderatamente dolce, denso e nutriente. 

per 12

2 uova bio leggermente sbattute
240 ml latticello o yogurt bianco (io yogurt liquido di capra bianco)
120 ml di burro fuso
240 ml di melassa (o 120 ml di sciroppo d'acero e 35 gr di zucchero di canna)
20 gr di crusca di frumento
115 gr di cereali di crusca naturali
115 gr di farina di frumento integrale
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di sale marino fino
una manciata di uvetta sultanina (facoltativo)

Accendere il forno a 200° C. Preparate due stampi da 6 muffin o uno da 12 con all'interno i pirottini di carta. In una ciotola capiente, mescolate melassa, uova, yogurt e burro. Cospargere con la crusca, i cereali e l'uvetta, e mescolare finché non si sia amalgamato bene il tutto. Laciar riposare per 5-10 minuti. In un'altra terrina mescolare farina, lievito, bicarbonato e sale. Versare gli ingredienti secchi su quelli liquidi, mescolare appena finché la farina non sia incorporata, poi trasferire la pastella negli stampini, riempiendo fino a tre quarti. Cuocere in forno per 20 minuti circa, assicurandosi con uno stuzzicadenti che siano cotti dentro. Sfornare e lasciar raffreddare per alcuni minuti nelle formine, poi sformare e finire di far raffreddare su una gratella. 

Pin It Now!

26 comments:

  1. Eccoli qui!! ^^ Ti auguro tante cose belle per le prossime mete...

    ReplyDelete
  2. Hey!

    That’s why you’re on of my favourite inspirations.
    I really inspire myself in your blog, to get my “food photography” better and better.
    Thank you so much!

    Keep up with the great blogging!

    ReplyDelete
    Replies
    1. You are too nice, thank YOU so much for your words!

      Delete
  3. un sorriso per te e per questo bel lavoro :)
    b

    ReplyDelete
  4. Great muffins! Very healthy and delicious looking.

    Ah, dreams! I wish mine would come true, but unfortunately I guess they'll never materialize themselves...

    Cheers,

    Rosa

    ReplyDelete
    Replies
    1. Nope, no miracles in this planet. But surely come good determination might work just as well :) Cheers!

      Delete
  5. Alla nascita, separate. Ma proprio.
    Mi autocandido a gemella maggiore, facci un pensierino.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Accetto Reb! Io ho sempre voluto una sorella --altro che il fratellaccio che mi ritrovo! Non è mai troppo tardi :P

      Delete
  6. Sono incantata dalle foto e dalle ricette, realizzate con ingredienti che amo e di cui non riesco a fare a meno. Ti faccio tanti complimenti, per tutto
    simona

    ReplyDelete
    Replies
    1. grazie davvero Simona, sei gentilissima. Mi fa molto piacere che ti piacciano, e semmai dovessi provarli, torna a dirmi cosa ne pensi! Un bacio

      Delete
  7. La casa dei miei sogni resterà per sempre un sogno. Ma quel libro da un po' nella lista dei desideri può assai più facilemnte trasformarsi in realtà, come questi rustici muffins che mi piacciono un sacco. Un grosso in bocca al lupo per tutto, buon fine settimana

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie mille Federica, e crepi il lupo. gli auguri mi servono eccome. quanto alla casa dei sogni, sono certa, arriverà!

      Delete
  8. I feel the same way about a Kindle. I am so attached to my books. I moved from Toronto to Prague and had to bring all my cookbooks with me. I did leave some at my parents house but most came across the ocean. Good luck with your move. It will bring you new friends and new adventures!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you Sarah! I hope to be able to bring my books a little at a time in my new house. I am already meeting new people and I really like the feeling.

      Delete
  9. ho impiegato due notti a scrivere il post di oggi (i libri mi mettono sempre in crisi), ma mentre lo facevo non sai quanto ti ho pensata....
    :*

    ReplyDelete
  10. Ma allora é Londra! E' arrivato il grande momento?! Per i muffins hanno un aspetto meraviglioso ma sono le foto che mi fanno sempre sussultare:-) Io ormai sono passata definitivamente a quelli macro biotici senza uova burro e latte e secondo me sono quanto ci sia di meglio per godersi un dolcino in più senza rimorsi:-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. di solito li faccio macro anch'io, ma dovevo provare quelli sul libro e davvero sono proprio buoni! sì, è Londra, la ricerca della casa continua. :(

      Delete
  11. sai che ti capisco al 100%, condivido lo stesso amore e ammirazione per Heidi. In bocca al lupo ancora una volta per questa nuova coraggiosa e bellissima vita!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie mille Juls! Vienimi a trovare presto!

      Delete
  12. complimenti per il blog e per le foto! ti seguo con estremo piacere!

    ReplyDelete
  13. Li ho provati anch'io diverse volte! E contrariamente alle aspettative hanno riscosso successo, qualcosa da perfezionare nel mio caso (non sono cosi' brava) ma sono buoni buoni e facilissimi da fare, no?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Verissimo, sono proprio facili facili, e molto versatili e adattabili a quel che si ha in dispensa. Personalmente li ho amati molto, specie quelli alla crusca!

      Delete

Thank you for stopping by and leaving your thoughtful comment.