October 13, 2011

October: pears and picnics || Ottobre: pere e picnic

I changed house five times in the last year. Life of a student, you might say. Indeed.

Pear shots

In the courtyard of my new house there's a pear tree. It gifted us all with plenty of crunchy, sugary fruits since the end of August. We couldn't resist picking some slightly unripe ones which were hanging at head level. The first bite was reveling: a sugary and at the same time sour nectar was dripping from the bitten flash and running down our mouths and hands, pleasing our tongues with hints of minerality and sweetness.
pear boxPear tree
Pear treepears

"These will be so good with that cheese", I thought.

I waited a few more days, then I  started the real harvest--picking the remaining pears. The sun turned their South-faced side into bright red and heated their inner juice and flash as it was still Summer. September was one bright sunny day after the other, and temperatures invited me to stay outside, eat light meals and snack on those fruits. 

October took the scene in silence, without me noticing the change, giving us mild days, fresh mornings and nights, clear sky. The first weekend of the month, after a lazy breakfast, J. and I decided we wanted to go for a bike ride, with short sleeves and picnic food to eat on the way. Of course, we took some pears. 

Picnic basketpears

The bike path from where we live, Bra, to Alba consists in an unpaved road along the Tanaro river. On the way, we encountered tomatoes, beautiful wild flowers, zucchini fields, and wild berries. The air was fresh and the sun was shining on our heads. I couldn’t think of anything more pleasant.

dandelionsyellow wild daisies
wood pathTanaro river
wild bushesbike

We stopped a few times to pick some flowers and some zucchini with their blossom. We couldn't leave them there, we had to take them home.
Frittata for dinner? 
Sure! 
zucchinizucchini blossoms

Half way though our ride, we saw a little stone table set there for bikers' refreshment. It was lunch time and we were hungry. We stopped and pulled out food from the basket. Wine, bread, cheese, pears, salad, olives --it was picnic food, nothing else. Right what we wanted.

Food Postcard
PicnicPear Cheese Sandwich

Is there anything better than pears with cheese on a slice of good sourdough bread? This was our picnic sandwich, with only a thin layer of Dijon mustard for a little flavor boost. A little salad and a couple of good green olives were on a side, a glass of white wine on the other. With a bright sun upon us, and nature all around, that was one of the best October weekends we would ever remember. 

Back at home, I tried to replicate the cheese and pear marriage another time, in a salad, and I considered it a successful experiment. I had some leftover cooked green lentils and I tossed them with some rocket, some pear slices and a little blue cheese. A pinch of salt, olive oil and balsamic vinegar for seasoning, bread (always bread!) and red wine. Easy and tasty dinner. Pears were saving us. 

Pear Lentil Cheese Salad

Then, the temperature dropped suddenly. I woke up one morning and the chilly air tingled my nose while opening my window. October was finding itself, understanding its real, autumnal essence. That morning, I made oatmeal for the first time in months. For lunch, a warming squash soup with some castelmagno cheese crumbled on top. I felt the need for a dessert, but I hadn't any except for what remained of our lovely pears. I felt the need for warm spices mixed with fruit and sugar in coffee cake, crumble,  pie, jam. 

squash castelmagno soup
castelmagnofleur de sel

That same night, I made star anise and pear jam. The gesture of chopping those pears, mixing them with sugar, getting them ready for the mutation into spreadable goodness, was a like bringing to the surface a pleasure I had forgot about. When I went to bed, the whole house was still perfuming of caramel and spice, and I fell asleep thinking of the morning after, of a good breakfast with jam on toast.

bread and jampear and star anice
Pear spice jam
Pear spice jam & bread

While J. was gone, I turned on the oven and made me a gift with some cinnamon in it. I baked six little pear and cinnamon muffins to eat in my lazy afternoons, between reading and sleeping. They were good and healthy, and they lasted one week, one per day, until J.'s arrival. I love baking just for myself  sometimes: it feels safe, I know what I like. It feels like I love myself a little more.


After all this cooking and eating pears, only four remained, lying in solitude in their basket on the kitchen table. I had some bottles of Barbaresco opened for a tasting and abandoned almost full, and I thought to give an end to both (wine and pears) in a pot with spices and sugar.
DSC_0499
Poached Pear

While the red syrup was boiling, I went out to buy fiordilatte gelato. Another dessert was set, and my pear craving felt finally satisfied.

Pear Almond Bran Muffins (yields: 6 muffins):
    1 cup oat flour
  1/2 cup wheat bran 
    1/2 T baking powder
 1 tsp baking soda
    1/8 tsp ground cinnamon
    1/2 cup chopped almonds (optional)
    1/2 cup unpeeled, grated pears
    1/2 cup dark brown sugar, packed (I used muscovado)
   3/4 cup buttermilk
    1 T water
    2 tsp apple vinegar
    1/2 tsp vanilla extract
    2 T olive oil 


Preheat oven to 400F and grease a muffin tin. In a large bowl combine together flour, bran, baking powder, baking soda, cinnamon, almonds and grated pears. In a small bowl, whisk together buttermilk, water, vinegar, vanilla extract and oil, then dissolve the brown sugar in this mixture using a fork. Add the wet ingredients to the dry ingredients, stirring just until moistened. Do not over mix. Spoon the batter in each muffin cup to the top. Bake for 20 minutes or until a toothpick comes out clean. Leave in the tin for 10 minutes, then cool completely on a rack. 

Pear and Star Anise Jam
1 kg pears, unpeeled and chooped
1/2 kg raw brown sugar
1 bag fruttapec (pectine) 1:2 (1 part sugar : 2 parts fruit)
2 T star anise
3 T lemon juice

In a large bowl, mix pears, sugar, star anise, pectine and lemon juice. Leave for 15-20 minutes, then transfer everything on a big saucepan over medium fire and cook, stirring from time to time, until you get a smooth sauce, about 20 minutes. Divide hot jam among sterilized jars, close with lids and let cool upside-down. Store closed in a cool place up to 6 months, or open in the refrigerator up to two weeks.

Spiced Poached Pears in Barbaresco (serves 4):
4 pears, peeled
2 liters red wine (I used leftover Barbaresco)
4 T brown sugar
2 sticks cinnamon
1 T star anise


In a saucepan, bring wine with spices and sugar to boiling, then immerse pears and cook until tender, about 15 minutes. Remove pears and reduce the wine to a syrup. Serving suggestion: vanilla bean or fiordilatte ice-cream.

solo pear

--------------------°°°°°°°°°°--------------------

Ho cambiato casa cinque volte nel corso di quest'anno. Vita da studente, direte voi. Infatti.

Pears

pear treePear shots

Nel cortile di quella che da due mesi è la mia nuova casa c'è un albero di pere. Non è proprio nostro, ma è come se un po' lo fosse. Ci ha fatto felici con cassette e cassette di frutti croccanti e succosi sin dalla fine di agosto. Noi, da parte nostra, non siamo riusciti a resistere alla tentazione di coglierne alcuni non ancora maturi che ci svolazzavano ad altezza d'occhi. Il primo morso è stato rivelatore: il succo che scendeva lungo le mani e la bocca era un nettare lieve e asprigno al tempo stesso, che stuzzicava la lingua con note dolci eppur saline. 
 
Come saranno buone col formaggio”, ho pensato. 
 
Ho atteso ancora qualche giorno, poi ho iniziato la vera raccolta. Il sole aveva colorato di rosso quelle rivolte a sud, scaldando il succo e la polpa come fosse ancora estate. Settembre è stato un susseguirsi di giorni soleggiati e cieli tersi, ed io sono stata all'aperto tutto il tempo che mi era concesso, mangiando cibi leggeri e sganocchiando quei frutti dorati.

Ottobre è arrivato di soppiatto, senza che me ne accorgessi. Le giornate erano ancora tiepide, le mattine e le sere fresche, il cielo limpido. Il primo fine settimana del mese, dopo una colazione pigra e tarda, J. ed io decidemmo che avremmo speso quella giornata in sella alla nostra bicicletta, vestiti d'abiti leggeri e con un cestino da picnic pieno di cose buone. Ovviamente, c'erano le pere.

Tanaro river
Betullewild berries

Il tragitto ciclabile da Bra ad Alba segue il corso del fiume Tanaro. Lungo la strada sterrata si incontrano campi di pomodori, noccioleti, foreste di betulle e campi di zucchini. L'aria era fresca e su di noi splendeva un bel sole. Niente in quel momento poteva sembrarmi migliore. Di tanto in tanto, ci concedevamo una sosta per riprendere fiato o cogliere qualche fiore o un paio di zucchini. Come lasciarli lì, invitanti com'erano? Un paio sarebbero bastati.

Frittata per cena?
Ovvio!
zucchini plantsJesse and the zucchini
yellow flower
Picnic FoodCheese, bread, fruit and wine

A metà strada, avvistammo un tavolino di pietra messo lì per il ristoro di noi ciclisti della domenica. Era ora di pranzo, in effetti, e la fame cominciava ad avvertirsi. Ci siamo fermati e, senza dire nulla, abbiamo svuotato il cesto dei viveri, disponendoli alla bell'e meglio su una tovaglia di carta. Vino, pane, formaggio, pere, insalata, olive: tutte cose semplici, ma giusto quelle che volevamo.
C'è forse qualcosa di meglio di una pera col formaggio su una fetta di pane casereccio? Questo è stato il nostro panino del picnic, con in più un po' di senape all'antica e una piccola insalata da un lato, un po' di vino dall'altro. Con il sole luminoso su di noi, la natura tutt'intorno, e un semplice pasto, quella è stata una delle migliori giornate d'ottobre di sempre.
Una volta a casa, ho provato a replicare il matrimonio tra formaggio e pere in un'insalata e tutto sommato l'esperimento ha avuto successo. Avevo a disposizione delle lenticchie verdi cotte il giorno prima, e le ho mescolate con della rucola, delle fettine di pera, e dei cubetti di formaggio erborinato. Sale, olio, aceto balsamico, pane buono e basta. Piatto in tavola, spazzolato in un secondo. Le pere ci stavano salvando cene e pranzi.

squash soupmountain flowers

In un secondo, le temperature sono scese. Mi sono alzata un mattino e l'aria fredda mi ha stuzzicato il naso mentre spalancavo fiduciosa le finestre. Ottobre sembrava aver ritrovato sé stesso, e aver capito qual'era davvero la sua anima: autunnale. Quella mattina, ho preparato il primo porridge della stagione, con latte, miele e spezie. A pranzo, una zuppa di zucca con del castelmagno sbriciolato sopra tenuta tra le mani mi ha dato un po' di tepore, ma alla fine, avrei voluto anche un dolce. Invece, tutto quello che c'era di dolce erano le pere. 

Pear spice jam
bread and spicesPear spice jam & bread

Quella sera, in una crisi di astinenza da dolci d'autunno, ho fatto la marmellata di pere con l'anice stellato. Il gesto di tagliare le pere e unirle a zucchero e spezie, prepararle alla trasformazione in dolcezza da spalmare, è stato per me come riportare alla luce una piacevole sensazione dimenticata. Quando sono andata a letto, la casa ancora profumava di caramello e spezie, e nell'addormentarmi ho pensato alla colazione del giorno dopo: pane e marmellata. 

pear spice muffins

Mentre J. era lontano, ho anche acceso il forno per regalarmi un dolce con la cannella: muffin. Ne ho fatti sei, piccoli, con le pere e le mandorle, per coccolarmi nei miei pomeriggi di letture e fantasticherie. Erano buoni, leggeri, equilibrati, e sono durati una settimana, giusto il tempo dell'assenza. Ho scoperto che ogni tanto, sfornare qualcosa solo per me mi fa bene, mi fa volere più bene.

pink flowerpears and wine
pears, spices and winePoached Pear


Solo quattro pere erano sopravvissute a questo sterminio culinario, sole nel loro cestino sul tavolo. Avevo tre bottiglie di Barbaresco aperte e lasciate quasi piene dopo una degustazione, così ho pensato che la fine più decorosa per entrambi –vino e pere-- fosse di metterli a bagno insieme a delle spezie e dello zucchero. Mentre la pentola con lo sciroppo langarolo bolliva, io sono uscita a prendere il gelato al fiordilatte da mangiare insieme al dessert, e nel camminare, ho pensato che forse con le pere per quest'anno può bastare.


Muffin Integrali con Pere e Mandorle (per 6 muffins):


    1 cup farina d'avena
  1/2 cup crusca di frumento
    1/2 cucchiaio lievito per dolci
 1 cucchiaino bicarbonato
    1/8 cucchiaino ground cinnamon
    1/2 cup mandorle a pezzetti
    1/2 cup pere grattugiate
    1/2 cup zucchero di canna grezzo
   3/4 cup latticello
    1 cucchiaio acqua
    2 cucchiaini aceto di mele bio
    1/2 cucchiaino puro estratto di vaniglia
    2 cucchiai olio evo



Scaldare il forno a 200°C. Imburrare o ricoprire lo stampo da muffin con i pirottini di carta. In una terrina, mescolare farina, crusca, lievito, bicarbonato, pere grattugiate, cannella e mandorle. In un'altra terrina, mescolare acqua, aceto, vaniglia, latticello e olio, poi sciogliere dentro lo zucchero di canna. Versare nella terrina con le polveri e mescolare poco poco. Con un cucchiaio da gelato, dividere l'impasto nei vari pirottini e cuocere in forno caldo per 20 minuti circa. Lasciar raffreddare 10 minuti prima di estrarre dallo stampo e trasferire su una grata.



Pere speziate al Barbaresco (per 4):

4 pere, sbucciate
2 litri di vino rosso (io Barbaresco)
4 cucchiai di zucchero di canna grezzo
2 stecche di cannella
1 cucchiaio di anice stellato



In una pentola profonda, portare ad ebollizione il vino con zucchero e spezie, quindi immergere le pere e lasciarle cuocere per 15 minuti o finché non sono tenere. Toglierle dalla pentola e continuare a ridurre il liquido finché non diventa quasi uno sciroppo. Servire le pere col loro liquido e, se piace, con del gelato alla vaniglia o al fiordilatte.


Marmellata di pere e anice stellato:

1 kg di pere, lavate e tagliate a cubetti
1/2 kg di zucchero di canna grezzo
1 bustina di fruttapec 1:2 (1 parte zucchero : 2 parti frutta)
2 cucchiai di anice stellato
3 cucchiai di succo di limone


In una terrina, mescolare insieme tutti gli ingredienti. Lasciar riposare per 15-20 minuti, quindi trasferire tutto in una pentola su fuoco medio. Cuocere, mescolando di tanto in tanto, per circa 20 minuti. Dividere la marmellata calda in vasetti sterilizzati e chiudere col coperchio, girare a testa in giù e lasciar raffreddare completamente. Chiusi si conservano per dei mesi, aperti vanno messi in frigo e consumati nel giro di due settimane.

Pin It Now!

20 comments:

  1. Una poesia come sempre i tuoi post, complimenti ciao

    ReplyDelete
  2. questo è uno dei post più belli / suggestivi / entusiasmanti che abbia mai visto / letto.
    Ti confesso che non vedo l'ora di conoscerti dal vivo, per vedere con i miei occhi la persona da cui scaturisce tale magia!

    ReplyDelete
  3. Concordo con Laura, Gorgeus. LEggere il tuo post è stato come viaggiare dall'estate all'autunno, dal desiderio di fresco e zuccherino a quello di caldo e speziato dell'autunno... un equilibrio perfetto.
    E pensa che domani anche io ho in programma un post con le pere! :))

    ReplyDelete
  4. Ci prometti solennemente, con come testimone il tuo meraviglioso post, che replichiamo il pic nic a formaggi vino e pere durante un on the road in bici assieme??!!
    E' un post che incanta per la bellezza delle foto e la semplicità che traspare da ogni parola.
    Le tue foto sono incredibilmente ogni volta più belle.
    A prestissimissimo!!!!!

    ReplyDelete
  5. I really miss Italian autumns. Here in the tropics it's humid and rainy! UGH!

    ReplyDelete
  6. QUante belle foto...sembra di esserci stata anche io in quei magici luoghi! E le ricette...una più golosa dell'altra! Oh...questo post mi ha fatto sognare con gli occhi e con il gusto...grazie!!

    ReplyDelete
  7. You're so lucky to have a pear tree. How convenient. Your post and photos are lovely too.

    ReplyDelete
  8. cant tell you how much i like this post filled with pears in all forms and ways..in savoury and in sweets and jams! what a wonderful month you've had and what a crazy beautiful place you live (that you can just pick zucchinis!)

    ReplyDelete
  9. mammma mia che bel post, mi hai ricordato quelli di bea di la tartine gourmende(per me è un complimento eh!!)Brava brava
    gabriella

    ReplyDelete
  10. Un post e foto davvero spettacolari e suggestivi. L'insalata la faccio al più presto, adoro le lenticchie.

    ReplyDelete
  11. Potrei sottoscrivere tutti i commenti precedenti: sei magia pura ragazza meravigliosa!

    ReplyDelete
  12. Grazie davvero a tutti, mi avete fatto arrossire, un po' come una pera al sole :)
    Thanks you all, I blushed like a pear under the sun :)
    @Stefania: grazie di cuore.
    @Laura: oh thank you so much, you made me happy with one word!
    @Juls: io non ci credo ancora, per me è la prima volta che faccio un meeting come quello dello scorso weekend, è stato splendido!
    @Tery: grazie mille! ps: il tuo arrosto è da acqolina istantanea!
    @Silvia: ehehehe, se ci sono ancora pere e non ci ghiacciamo di sicuro! sennò facciamo che accendiamo un fuoco e arrostiamo castagne! :)
    @Rae: oooh colorful fall --remember Cacciatoris' pics? ahahahah :))
    @Claudia: grazie a te! mi fa felice sapere che ti ha fatto un po' sognare!
    @El: Thanks a lot. That is actually pretty convenient and now that the lower fruits are gone, we are shaking the tree with brooms! :)
    @Viv: it is a crazy beautiful place indeed! I am so in love with this land! Sydney would be a great alternative, though! :)
    @Gabriella: certo che lo considero un complimento, eccome, mi sento onorata!!
    @Alex: grazie davvero, del commento e della visita. Fammi sapere se ti è piaciuta :)
    @Reb: ma ma ma...ma grazie! Ma dai, adesso mi intimidisco :)

    ReplyDelete
  13. meravigliose. punto.
    ciao valeria :)

    ReplyDelete
  14. So many ways to enjoy pears ... I love your picninc !

    ReplyDelete
  15. Ma che post e che natura. Gli alberi che ho in giardino (condominiale) sono una magnolia, un acero giapponese e un paio di aceri. In un angolino c'è un melograno ma da frutti immangiabili :-( Però potrei affumicare le aringhe sul balcone (1° piano), anche in città abbiamo i nostri privilegi... ;-)

    ReplyDelete
  16. @Babs: grazie. e ancora auguri!!
    @argone: thanks, it was lovely indeed :)
    @Roberta: uhuhuhu, le aringheeee, perchè no? magari fai un'insalata coi melograni, magari migliorano! ;)

    ReplyDelete
  17. This sounds like the perfect picnic! I have to try pears with cheese, looks irresistable :)

    Btw, the temperatures droped here suddenly too, from 25 to 10 in a day, it's so cold now I already miss fall...

    ReplyDelete
  18. Hello,


    We bumped into your blog and we really liked it.
    We would like to add it to the Petitchef.com.

    We would be delighted if you could add your blog to Petitchef so that our users can, as us,
    enjoy your recipes.

    Petitchef is a french based Cooking recipes Portal. Several hundred Blogs are already members
    and benefit from their exposure on Petitchef.com.

    To add your site to the Petitchef family you can use http://en.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form or just go to Petitchef.com and click on "Add your site"

    Best regards,

    petitchef.com

    ReplyDelete
  19. Looove your photos and all presentation....! Have to try this salad of yours...looks divine:).
    Greetings,
    C&T

    ReplyDelete