July 26, 2010

Panzanella eretica


L'avrete anche capito che sono una grande consumatrice di pane di ogni tipo e genere. Trattasi dell'unica cosa di cui non mi stanco davvero mai, del mio carboidrato del cuore, molto più del cuore di pasta e riso, di cous cous e patate. Oddio, fosse sempre la stessa mantovana triste mi stuferei pure io, eh, però siccome mi diverto tanto a farne di sempre diversi il problema non si pone. Il problema, invece, è che quando manco io, a casa il pane avanza sempre. La regola è: "Non si mangia senza pane sulla tavola!" Ma poi i miei sono molto più pastasciuttari e quindi finisce sempre che le pagnotte si accumulino in dispensa. Son tornata l'altro giorno e lo scenario era proprio questo: cinque o sei pagnotte bianche belle durette e secchette ficchate dentro il mega-sacchetto di carta del pane pugliese delle grandi occasioni e nascoste alla bell'e meglio per evitare occhiatacce eloquenti. 
Evabbè, li ho perdonati...Ma gli è toccato sorbirsela, 'sta panzanella! :D



Panzanella eretica

Ingredienti (x3):
- 3 pagnotte rafferme (circa 300 gr in tutto | meglio se avete il pane toscano, ça va sans dire)
- 9 pomodori san marzano 
- 3 cetrioli
- 3 cipolle medie (io bianche dolci, ma pure di Tropea non fanno schifo, eh! :D)
- 3 scatolette di tonno al naturale
- 3 ciuffetti di basilico
- olio evo, aceto bianco e sale q.b.



Ammollare il pane nell'acqua fredda per una decina di minuti. Intanto lavare e tagliare i pomodori a pezzetti, idem per i cetrioli (io li sbuccio, voi fate come vi aggrada :D), affettate la cipolla sottilmente, condite con olio evo, aceto e sale to taste, aggiungete il tonno sgocciolato, il pane tolto dall'acqua e tagliato a cubetti, il ciuffetto di basilico, mescolare mescolare et voilà, pronto il panzo!

SHARE:

July 20, 2010

Asian Dinner: Indian Spiced Aubergines


Una delle attività preferite degli studenti UNISG, manco a dirlo, è mangiare. Epperò noi si fà da sé, nel senso che non si va, o si va abbastanza poco, a mangiar fuori, vuoi perché si è studenti e la pecunia non abbonda, vuoi perché si è un po' scomodi e le macchine son poche, si finisce volentieri ad organizzare cene e feste a casa di uno o dell'altro. La politca, in generale, è quella del potluck: l'ospite di casa si occupa dell'organizzazione, la logistica, e di buona parte del cibo, ma gli invitati contribuiscono portando ciascuno qualcosa da mangiare nel fedele tupperware, e qualcosa da bere, solitamente alcolico e in genere vino o birra. La cosa funziona davvero alla grande, ho notato: l'ospite non è oberato di lavoro e non spende un capitale per sfamare tutti, si può invitare più gente, si assaggiano le preparazioni di tutti. E questo tutti, nel nostro caso, significa da tutti i cantoni del tondo pianeta che calpestiamo, con grande gioia di mente e palato. Certo, a volte per capire che ingrediente ha usato l'uno o l'altro devo usare Google Images :D però vuoi mettere!
Per salutarci prima della pausa estiva si è organizzato una festa a tema asiatica ospitata dal nostro compagno filippino Rae e con la partecipazione della nostra cara Pan dalla Tahilandia con Amore, di Crystal da Chicago alla Cina sola andata e da Luca il nostro aretino filo-sol-levante preferito. Ammemepareva che mancasse qualcosa, però: c'era mica pure l'India, in Asia, fino a ieri? E mo' chi la rappresenta? E vabbè, OK, tanto gli ingredienti per fare le melanzane del cavoletto non li ho trovati! :)

Melanzane speziate all'indiana

- 4 melanzane grosse
- 2 pomodori rossi 
- 2 cipolle rosse
- 1 peperone verde
- 1 radice di zenzero fresco
- 4 cucchiai di olio
- 1 cucchiaino abbondante di sale
- 1/2 cucchiaino di pepe
- 1 cucchiaio di semi di cumino
- 1 cucchiaio di paprika
- 1 cucchiaio di curcuma
- 2 cucchiai di cumino in polvere
- 2 cucchiai di coriandolo macinato
- 1 manciata di coriandolo fresco tritato (se vi piace, attenzione, o si ama o si odia, appuratelo prima!)

Mettere le melanzane intere sulla placca del forno copera con carta forno e infornarle a forno caldo a 200° C per 50-60 min, rigirandole a metà cottura. Spegnere, estrarre e lasciar raffreddare. Nel frattempo tagliare le cipolle a fette sottilissime, tritare lo zenzero e mettere il tutto in una padella capiente dove si è fatto scaldare l'olio. Aggiungere i semi di cumino e lasciar cuocere cinque minuti a fuoco medio. Tagliare i pomodori e il peperone a cubetti eliminando i semi, aggiungerli alla cipolla, quindi aggiungere il sale e tutte le spezie tranne il coriandolo fresco. Aggiungere un po' d'acqua (tipo mezzo bicchiere) e far cuocere a fiamma bassa per dieci minuti. Intanto pulire la melanzana togliendo pistillo e un po' di semi interni, tagliarli a cubotti e aggiungerla al resto degli ingredienti. Mescolare e far insaporire cinque minuti. Prima di servire, se e ribadisco SE vi piace, aggiungete il coriandolo fresco. 
Mangiatevela calda e speziatella con un buon chapati o con ciò che più vi aggrada :)

SHARE:

July 13, 2010

Vita da gastronomi

Esperienze straordinarie. Uno scorrere incessante di sapori e profumi, liquidi, aerei, palpabili. Vini piemontesi, tajarin, carni e salumi impareggiabili con focacce di casa e burro di spicco, formaggi, pane e vino rustico conditi con gioia semplice e aria d'alpeggio, birre recluse che oltrepassano barriere, cioccolati lussuriosi da mangiare in una cornice da fiaba, riso stellato dal primo al gelato.

Tutto praticamente perfetto, o quasi (vedi autobus rotto in autostrada). 

Ma non si ha idea di quanto uno studente UNISG desideri dei vegetali dopo la fine di uno study trip. E non chiamateci ingrati, è fisiologicamente testato.



Insalata di patate, rapanelli e asparagi

A random: patatine novelle bollite con la buccia tagliate a fettine, asparagi verdi puliti e cotti al vapore per 5 minuti e tagliati a pezzetti, rapanelli affettati sottilmente con una mandolina, mezzo porro (parte bianca) tagliato sottile pure quello. Una bella manciata di lattuga. Il tutto condito con yogurt naturale, olio evo, limone, semi di sesamo, sale e prezzemolo fresco.

Posologia: continuare con insalate simili per qualche giorno e sarete belli che pronti per un altro tour de force di prelibatezze alimentari :)


SHARE:
Blogger Templates by pipdig